CoDiRoLogoRomaGruppoConsiliare

G.C.A.Prot. n. 426 del 12.11.2008

Al Presidente del Consiglio

                                                                                                               On. Marco Pomarici

 

Oggetto: richiesta di un minuto di silenzio per il Golodomor, 22 novembre p.v.

In riferimento all’oggetto si chiede di poter ricordare il 75° anniversario del Golomodor (1932/33) che ricorre il 22 novembre p.v., con un minuto di silenzio da effettuarsi durante il Consiglio Comunale.

Golomodor significa “Carestia Artificiale” ed  ha prodotto circa sette milioni di vittime nel popolo ucraino.

Tale momento significherebbe onorare le vittime di tutti gli altri genocidi avvenuti nel mondo, con la speranza che una maggiore saggezza dell’uomo possa prevenire e impedire che possano verificarsi altri nefasti eventi del genere. 

 

Consigliera Aggiunta
On. Tetyana Kuzyk

 

LARGO LORIA, 3, tel. 06.671072335, 06.671072337, 06.671072338, 06.671072339, fax 06.671072465

 

 

...

roma logo

GRUPPO CONSILIARE AGGIUNTO


Roma 13 febbraio 2008
Sala del Carroccio

“Riflessioni e prospettive ad un anno dalla elezione dei Consiglieri Aggiunti”


Programma 2007

I Consiglieri Aggiunti eletti in seguito alle elezioni del 10 dicenbre 2006 ai sensi dello Statuto del Comune di Roma e del Regolamento del Consiglio Comunale.
I Consiglieri Aggiunti rapprpreseno nel Consiglio Comunale. “il Gruppo Consiliare Aggiunto”.


Il Gruppo Consiliare Aggiunto è composto dagli On.li Tetyana Kuzyk - Consigliera per il continente Europa, On. Victor Emeka Okeadu - Consigliere per il continente Africa, On. Madisson Bladimir Godoy Sanchez - Consigliere per il continente America, On. Romulo Sabio Salvador - Consigliere per il continente Asia.
Il lavoro politico e l’impegno del Gruppo è stato orientato verso la ricerca di contatti costruttivi e la comprensione dei linguaggi, degli iter amministrativi e delle dinamiche della politica capitolina. Oltre agli obblighi istituzionali (partecipazione alle sedute del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari), il Gruppo Consiliare Aggiunto ha programmato e realizzato un calendario di incontri istituzionali con Assessori e Consiglieri comunali e regionali, nonché con politici di Ministeri e in particolare con strutture del Ministero dell’Interno - Questura e Prefettura.


Il Gruppo, ai diversi interlocutori istituzionali, ha suggerito indicazioni e ha formulato proposte operative per creare canali di comunicazione e pratiche facilitanti per gli immigrati. In Consiglio Comunale i Consiglieri hanno presentato mozioni, ordini del giorno e proposte di deliberazioni per sensibilizzare e/o portare al dibattito argomenti e situazioni di interesse cittadino o di interesse specifico per i cittadini stranieri.
Attraverso le Missioni sia all’estero che in Italia hanno portato la loro esperienza, si sono potuti confrontare con altre realtà politiche ed istituzionali e sono diventati punto di riferimento per alcuni programmi specifici.


L’impegno politico individuale ha permesso di consolidare il rapporto con le comunità dei continenti rappresentati da ciascun Consigliere, infatti molte sono state le iniziative e le manifestazioni organizzate, nonché le partecipazioni ad eventi e convegni organizzati da organismi nazionali e internazionali e dal mondo dell’associazionismo.


Il filo conduttore delle loro azioni è stato il programma richiesto dal Sindaco subito dopo il loro insediamento. E’ stato realizzato un Dossier che raccoglie le varie aspettative delle comunità di immigrati presenti a Roma e comprende una serie di proposte condivise.. E’ un documento che mira a prefigurare il piano di lavoro per l’intero mandato, con l’obiettivo di proporre gli indirizzi tematici per un “Modello Romano d’Integrazione Interculturale”.


Le tematiche su cui hanno posto l’attenzione riguardano la sfera dei diritti e doveri, le politiche sul voto amministrativo, sulla comunicazione e informazione, sulla multiculturalità, abitative, per l’infanzia, educative, per le seconde generazioni, sociali, sportive, sul commercio, sull’ambiente, sul decoro urbano.

 

 

...

roma logo

Intervento in occasione del Consiglio Straordinario sulla Sicurezza
Aula Giulio Cersare
7 luglio 2008

Viviamo in un’epoca caratterizzata dall’inizio di un processo di integrazione sociale e culturale fra vecchie e nuove cittadinanze . E’ necessario, proprio in questa fase, superare l’empasse di un processo di integrazione basato esclusivamente su interventi di assistenzialismo solidale e meno indirizzato ad azioni concrete che possano semplificare le relazioni fra le diverse componenti della società.
In questa prospettiva, anche il problema della sicurezza nelle grandi metropoli coinvolge tutti coloro che vi risiedono ed in particolare quello che possiamo considerare l’anello sociale più debole rappresentato, indifferentemente, da immigrati “nazionali” o da “immigrati stranieri”.


In effetti ogni persona che si trova ad affrontare una nuova realtà ambientale, per motivi di lavoro o di studio, ha bisogno di conoscere le regole che dovranno essere rispettate ed ha soprattutto necessità di trovare supporto nell’esercizio dei suoi diritti e nell’adempimento dei suoi doveri, nelle indicazioni fornite dalle Istituzioni preposte al rispetto e alla salvaguardia delle leggi.
Vorrei, a questo punto, soffermarmi su due particolari categorie di lavoratori che in larga maggioranza sono costituite da persone provenienti dai Paesi, che in qualità di Consigliera Aggiunta per l’Europa non comunitaria, rappresento e che sono coinvolte in prima linea dal problema sicurezza: i lavoratori edili e le assistenti badanti.


Per quanto riguarda i primi, condivido pienamente quanto detto il 2 luglio scorso nel corso dell’’Assemblea Annuale 2008 dei Costruttori Edili di Roma e Provincia dal Presidente dell’ACER Dr.Giancarlo Cremonesi sulla necessità di sottoporre ogni impresa del settore a controlli sistematici delle misure di sicurezza adottate nei cantieri e di organizzare corsi di formazione in particolare per i lavoratori stranieri. Aggiungerei la necessità di potenziare i controlli in questo settore attraverso il rafforzamento dei compiti degli Ispettori del Lavoro e la lotta all’odioso fenomeno del caporalato.


Per le badanti il discorso, se si vuole, è ancora più delicato dato che si tratta di persone che sono impiegate in compiti delicatissimi di cura e di assistenza rivolta a categorie fragili quali anziani, ammalati, invalidi e bambini. Si tratta, in questo caso, di lavoratori che hanno acquisito una elevata professionalità, spesso non riconosciuta. Il problema “sicurezza” per queste persone risiede nella necessità di procurarsi un contratto di lavoro stabile e di sollecitare dunque il rilascio dei nulla osta legati alla disciplina dei flussi migratori 2006/2007.


Come persona che ha consapevolezza diretta delle difficoltà che deve affrontare chi è costretto a lasciare il proprio Paese e nel ruolo di rappresentante di cittadini stranieri residenti a Roma vorrei avanzare le seguenti proposte:
• Rafforzamento delle funzioni istituzionali di controllo nella salvaguardia dei diritti delle categorie più deboli;
• Nuove politiche di utilizzo degli strumenti di comunicazione di massa dirette a favorire la conoscenza e l’integrazione reciproca fra comunità locale e comunità straniere;
• Snellimento e sblocco delle procedure burocratiche che regolano flussi migratori e ricongiungimenti familiari;
• Sviluppo della cooperazione internazionale attraverso scambi culturali che portino più studenti stranieri a formarsi in Italia, e incentivino l’avviamento di corsi di lingua italiana e di corsi di formazione professionale all’estero in modo da consentire ai lavoratori stranieri migranti una facilitazione nel primo inserimento.
Mi piacerebbe che in futuro i nuovi cittadini venissero giudicati per il loro valore e per l’impegno personale, per questo conto sullo sviluppo di una società meritocratica che, con lo stesso parametro, offra uguali opportunità e riconoscimenti a tutti.


On. Tetyana Kuzyk

 

 

...

Scarica guide, opuscoli e manuali

dl-iconIn questa categoria trovi tutte le guide,opuscoli e manuali  riguardanti la vita degli stranieri in Italia.

Ringraziamento speciale a:

AgenziaTuUnicredit

Ringraziamo Agezia Tu Unicredit per supporto dello sviluppo di guida "NOI DELL'EUROPA DELL'EST" che potete scaricare o consultare nella categoria "Continente Europa".

Ringraziamo anche:

logo uiaRingraziamo Ukraine International Airlines per supporto dello sviluppo di guida "GUIDA PER LA COMUNITA' UCRAINA IN ITALIA" che potete scaricare o consultare nella categoria "Continente Europa - Ucraina".
top